Birra dal Basso

Corso di formazione, stage e degustazioni per il laboratorio di produzione di birra a Làbas

Dal 27 Marzo al 31 Maggio

10174793_612631405538169_7386732132520009056_n

Invitiamo chiunque sia interessato ad apprendere il procedimento di produzione della birra a partecipare a 5 incontri di formazione tenuti dai produttori del Birrificio “Fermenti Sociali” di Valsamoggia (Bo) facenti parte dell’associazione Campi Aperti.

Chi seguirà questo piccolo corso avrà la possibilità di far parte del nostro progetto “Birra dal Basso”, che ha lo scopo di aprire un laboratorio di produzione di birra artigianale e biologica all’interno di Làbas, l’ex Caserma Masini occupata.

IL TERZO INCONTRO SI TERRÀ MERCOLEDì 15 APRILE – ORE 20.00 – PRESSO LÀBAS, mentre le altre date sono ancora da fissare (in ogni caso tutte dalle ore 20.00).

Al termine di ogni incontro organizzeremo degustazioni tematiche con diversi tipi di birre. Agli incontri di preparazione seguiranno una o più giornate di stage presso il birrificio Fermenti Sociali.

1° incontro:
analisi dei procedimenti di produzione della birra e delle attrezzature necessarie

2° incontro:
fasi tecnologiche e biochimica della produzione della birra

3° incontro:
materie prime; malti, luppoli e altri ingredienti

4° incontro:
stili di produzione internazionale e ricette

5° incontro:
tipologie e gestione dei lieviti in fermentazione e rifermentazione

Di seguito, il comunicato di presentazione del progetto:

BIRRA DAL BASSO
“…sai che storia riuscire a produrre birra qui dentro..?”

Per noi produrre birra non è solo un procedimento meccanico, ma un processo di valorizzazione e crescita. Così come nella BioPizzeria, dove in quella filiera di trasformazione vengono mescolati ingredienti come la qualità dei prodotti, la condivisione dei saperi, la formazione indipendente, l’autoreddito e l’emancipazione dai circuiti della Grande Distribuzione Organizzata, così vogliamo intendere il futuro laboratorio di produzione di birra a Làbas.

Vogliamo costruire e praticare uno spazio che aggiunga un tassello alla costruzione della nostra sovranità alimentare, che riporti la produzione nei territori e riduca al minimo la distanza tra consumatore e produttore; quella stessa distanza che porta a non chiedersi cosa portiamo quotidianamente sulle nostre tavole e qual è la storia dei prodotti che acquistiamo, siano essi OGM, frutto di lavoro sottopagato e sfruttato o semplicemente trasportati dalla Germania in Italia passando per l’America, con buona pace della sostenibilità ambientale.

Uno spazio che rompa le logiche del lavoro classico, caratterizzate da sfruttamento, subordinazione, precarietà, per aprire invece luoghi di orizzontalità autogestita, che alla parola “sviluppo” sostituisca quella di “crescita”, che ad un’economia di profitto anteponga un’economia di giustizia, introducendo quindi modelli alternativi di reddito, formazione e cooperazione.

Perché riteniamo che la cooperazione sociale non sia solamente una parola, peraltro ormai decisamente compromessa con le moderne forme di sfruttamento che pretenderebbero appropriarsene, ma piuttosto una buona pratica che si esprime, per esempio, attraverso corsi di autoformazione pubblici fatti da chi produce birra da anni, lavori collettivi di costruzione del laboratorio che sappiano intersecarsi con chiunque interessato al progetto; pensiamo quindi a giornate aperte di lavorazione e produzione che sappiano trasmettere il come produrre birra da sé, perché è facile, vantaggioso e divertente.

Costruiamo uno spazio che condivida saperi critici, quegli stessi saperi che rifiutano la spettacolarizzazione del cibo e la speculazione sulla filiera, la devastazione del territorio e la predazione delle sue risorse: esattamente quei processi che vediamo dispiegarsi all’interno del maxi evento Expo2015 e che si verranno a materializzare nella futura grande opera bolognese: F.I.Co.

Insomma, un luogo di sperimentazione sociale, che invitiamo tutti a conoscere e supportare.
Perché all’idea del sogno che si realizza preferiamo quella della conquista sociale collettiva.

Làbas Occupato
Associazione Campi Aperti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...