13/21-22 Marzo Fuori dalla Giungla-Crowdworking

Una “Sala Polivalente” a Làbas

L’ex Caserma Masini promuove la nascita di un nuovo spazio, un atelier, un laboratorio che parte dal basso per accogliere forme artistiche e culturali che in questa città non trovano un luogo in cui potersi esprimere, in cui esistere nella propria pienezza.

L’obiettivo è quello di ridare, nel nostro piccolo, valori e significati “altri” al segmento di tempo che scandisce la produzione culturale, intesa come il rapporto fra istanze e soggettività differenti, che riconoscono l’intrinseco aspetto cooperativo e relazionale del “comune”, dell’incontro, della crescita non individuale.

In questo spazio occupato e sottratto ad ogni forma di speculazione vediamo un orizzonte di possibilità, vediamo delle linee di forza che si muovono “fuori dalla giungla”, fuori dal dominio della mercificazione dei saperi, fuori dall’armatura che impedisce ad ogni uomo e donna di percepire l’arte come specchio e frutto della realtà.
Nelle giornate del 21 e 22 marzo daremo vita ad un “crowdworking” pubblico, a porte aperte: con la collaborazione dello S.C.I. (Servizio Civile Internazionale) ci impegneremo per ultimare i lavori (avviati un mese fa) di riqualificazione e strutturazione di quell’area che si presenterà come centro di resistenza ai dispositivi di devastazione culturale da una parte, e come casa per gli “artisti senza tetto” dall’altra.
Per finanziare il progetto, le persone il cui desiderio sta rendendo possibile la realizzazione di questo nuovo spazio organizzano il 13 marzo un momento di convivialità e di socialità all’insegna della musica, della danza, del cibo, della street art e altro ancora.
L’inaugurazione, invece, è prevista per il 24 aprile: aspettatevi una programmazione accattivante e dai mille colori.

13-15 gennaio: Laboratorio Eco-Teatrale a cura di Kyla Davis

Immagine

Làbas, in collaborazione con Nosadella.due, propone un laboratorio di teatro gratuito con l’artista sudafricana Kyla Davis per un numero massimo di 30 partecipanti.
Per informazioni e iscrizioni inviare una mail a info@nosadelladue.com o chiamare il 393 5997695 oppure 3400548950.

13-14-15 gennaio 2014, Làbas occupato, via Orfeo 46

LABORATORIO ECO – TEATRALE
a cura di Kyla Davis

Dallo scorso novembre Kyla Davis è in residenza a Bologna (presso l’associazione Nosadella.due – Independent Residency for Public Art) per costruire insieme ai cittadini di tutto il territorio bolognese una discussione, un percorso, un’opera, uno spettacolo, che parli di noi e del nostro abitare il pianeta insieme ad altri. Noi in quanto bolognesi, in quanto sud africani, in quanto essere umani.

Noi umani siamo creature incredibili. Davvero lo siamo. Quando la natura ci mette davanti a un problema, noi lo risolviamo. Usiamo la nostra testa per muovere montagne e deviare fiumi. Per costruire macchine tanto elaborate e complesse da poter fare il lavoro al posto nostro. Per secoli non ci siamo mai fermati, non abbiamo mai smesso di cercare sempre il modo migliore per seminare, scavare, irrigare, coltivare, costruire, riscaldare, raffreddare, muovere. Siamo davvero prolifici! 
Perchè facciamo tutto questo? Perchè siamo curiosi. Perchè ci interessa. 
Perchè allora adesso la nostra brillante specie se ne sta ferma in pista a causa di un problema che sembra non riuscire a risolvere? 
Il mondo ci mostra ogni giorno segni di un collasso economico e socio-ambientale incombente. Ci chiede di prestare maggiore attenzione, di trovare urgentemente un’altra strada. Ma noi ancora non lo facciamo. Ora, improvvisamente, tutto il nostro interesse, tutta la nostra curiosità, sembrano evaporati e ci troviamo imprigionati nella routine, impantanati in una disillusione che ci travolge. 
Eppure sappiamo di conoscere la strada. La conosciamo da sempre. 
È il primo passo quello più difficile.
Ma camminare è facile…Camminiamo!

Questo è il percorso che Kyla Davis ha proposto in questo periodo a Bologna e in tutta la provincia, e che ora vuole portare a Labas, invitando chiunque si senta in grado di affrontare una sfida e di mettersi in gioco in un breve cammino da fare in gruppo. Dopo Porretta, Sala Bolognese, Pieve di Cento, Pianoro, Castello di Serravalle e Imola, Kyla Davis porta al quartiere Santo Stefano grazie alla collaborazione con Làbas un laboratorio di tre giorni aperto a tutti, per età, ceto e professione, in cui tramite la pratica teatrale, il gioco, l’ascolto, la musica e l’immaginazione si affronti un’esperienza di consapevolezza del proprio territorio di appartenenza in stretta relazione a quello altrui.

Continua a leggere

25.09 – Mercato Campi Aperti / Incontro con i movimenti per l’acqua argentini / Concerto jazz&bossa nova

Mercoledì 25 settembre il Mercato di Campi Aperti a Làbas di riempie ancor più di contenuti.

> Dalle 17.30 Mercato con i produttori locali di Campi Aperti a Làbas: dalle 17.30 potrete acquistare direttamente dai produttori frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora, tutto rigorosamente biologico e a km0!

> Ore 18.00
“Le lotte dell’acqua in Argentina: resistenza al neoliberismo fra estrazione mineraria, fracking e inquinamento”
Incontro con  Sebastián Touza – Attivista e professore Universidad Nacional de Cuyo (Argentina)

En los años ’90 los gobiernos neoliberales aprobaron una ley que hizo muy atractiva la explotación minera metalífera a gran escala en el lado argentino de la cordillera de los Andes. También se firmaron tratados con Chile que hicieron la explotación minera aún más atractiva. Pocos años después comenzaron a desarrollarese algunas explotaciones. En el año 2003 la ciudad de Esquel, en la Patagonia, rechazó un emprendimiento de extracción de oro con una lucha que involucró a prácticamente toda la población. En Mendoza, se viene organizando el rechazo a este tipo de explotación minera desde hace unos diez años. La lucha comenzó en los pueblos de montaña y se fue extendiendo a las grandes ciudades. Mendoza es un desierto, con muy poca agua. Este tipo de minería consume mucha agua y, además, la contamina con productos altamente tóxicos que infiltran las napas de agua subterránea. La lucha en Mendoza hasta ahora ha sido exitosa, como en Esquel y en otro pueblo llamado Famatina, en la provincia de La Rioja. Pero en la provincia de San Juan hay dos grandes explotaciones de oro. El gobierno nacional y los gobiernos provinciales apoyan la megaminería y mantiene buenos contactos con las multinacionales mineras. Sólo hablan de los recursos que se obtendrán de la explotación. Sin embargo, debido a las leyes aprobadas por los gobiernos neoliberales y que siguen vigentes, se concede a las empresas explotadoras enormes beneficios en términos de impuestos. Los gobiernos nacional y provinciales, además, prometen que no habrá contaminación, pero en un pueblo cercano a la mina La Alumbrera, los casos de cancer superan ampliamente el promedio.

Otra lucha por el agua está comenzando. Es la lucha contra la extracción de hidrocarburos no convencionales por un método que se conoce como fractura hidráulica o fracking, que consiste en fracturar la roca a cientos de metros bajo el suelo para permitir que salgan el gas y el petróleo allí encerrados. Este procedimiento utiliza mucha agua y productos químicos tóxicos. Está demostrado que el fracking contamina las napas de agua potable con químicos, petróleo y gas. Además, la fractura hace más frágiles los suelos y lleva a que se produzcan terremotos. Esto es aún más grave porque las principales zonas de explotación en la Argentina son ya sísmicas. Por ahora, en la Argentina este tipo de explotación se está realizando en un yacimiento llamado Vaca Muerta, en la provincia de Neuquén, situado en territorios habitados por los Mapuche, un pueblo originario de la patagonia. En Mendoza, esta lucha recién está comenzando.

> Dalle 20.00 aperitivo e concerto live Jazz & Bossa Nova con:

VOCE: Chiara Nozza
PIANO: Marco Paganucci
CHITARRA: Paolo Grasselli

11.09 – Mercato settimanale di Campi Aperti + OH!theladystone live

Dopo il successo della prima giornata, ritorna anche questo mercoledì il mercato di Campi aperti!

Dalle 17.00 mercato con produttori locali di prodotti biologici e a km0
e dalle 20.30 live in giardino di OH!THELADYSTONE

LàBAS e CAMPI APERTI
Da mercoledì 4 settembre l’ex caserma Masini ospiterà il mercato settimanale di prodotti biologici e a km0 di Campi Aperti, frutto della collaborazione tra l’associazione di produttori e Làbas, già cominciata con la partecipata giornata dell’8 Giugno scorso.

Ogni mercoledì oltre dieci produttori porteranno frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora.
Ma il mercoledì a Làbas non è solo mercato.

Ad affiancare i mercati tanti dibattiti, presentazioni di libri, proiezioni su beni comuni, la terra e le sue risorse, sulla campagna Genuino Clandestino (https://www.facebook.com/GenuinoClandestino) e Terra Bene Comune, sul perché il FICO, la nuova cittadina dello slow food che dovrebbere sorgere al CAAB di Bologna entro il 2015, rappresenti un punto critico sullo sviluppo della città.
E infine un appuntamento fisso con concerti live a chiudere la giornata.

OH!theladystone

Gli Oh!TheLadyStone (OTLS) si sono formati nel 2009 come trio (Petra Dotti chitarra e voce, Irene Elena chitarra e Alberto Poloni voce), intorno ad alcune canzoni ancora in embrione composte da Petra.

L’arrivo di Simonluca Leitempergher al basso e strumenti elettronici porta il gruppo a fare diverse esperienze live e a registrare alcuni pezzi per un EP che però per motivi vari rimane a lungo nascosto in un cassetto. Ora, dopo un cambio di formazione (al posto di Simonluca arrivano Francesco Papaleo e Francesco Di Giovanni, rispettivamente elettronica e basso) si ripresentano e tirano finalmente fuori dal cassetto quell’EP, convinti che se anche non gli assomiglia più molto, il lavoro e impegno dietro a quei pezzi debba almeno vedere la luce. Si chiamerà “A lot of nothing is still nothing”, uscirà ad Aprile 2013, corredato dei bellissimi disegni di Angela Malavenda.
Gli OTLS, se glielo chiedete, si raccontano come una rarefatta e difficile ricerca di sintesi tra suoni acustici ed elettronici.

/labasoccupato

04.09 – Mercato settimanale di Campi Aperti + CHIMANGO live

Da mercoledì 4 settembre l’ex caserma Masini ospiterà il mercato settimanale di prodotti biologici e a km0 di Campi Aperti, frutto della collaborazione tra l’associazione di produttori e Làbas, già cominciata con la partecipata giornata dell’8 Giugno scorso.

1150281_181099855404961_1190018209_n

Ogni mercoledì oltre dieci produttori porteranno frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora.
Ma il mercoledì a Làbas non è solo mercato.

Ad affiancare i mercati tanti dibattiti, presentazioni di libri, proiezioni su beni comuni, la terra e le sue risorse, sulla campagna Genuino Clandestino (https://www.facebook.com/GenuinoClandestino) e Terra Bene Comune, sul perché il FICO, la nuova cittadina dello slow food che dovrebbere sorgere al CAAB di Bologna entro il 2015, rappresenti un punto critico sullo sviluppo della città.
E infine un appuntamento fisso con concerti live a chiudere la giornata.

– – –

Mercoledì 4 settembre:

– dalle 17.00 in poi fate la vostra spesa a km0 e biologica all’ex caserma Masini

– dalle 19.30 aperitivo + live concert CHIMANGO – MANO A MANO European Summer Tour 2013

►►► La Rumba de Barcelona has its authentic expression in CHIMANGO and the Comando Rumbero from which the singer, guitarist and Argentinean composer Pablo Pascuale combines the rhythm of the street with the urgency of popular music and social issues. DONDE EL DIABLO PERDIO EL PONCHO is their first album.
11 songs that reflect the strength of the life experience in the streets of Barcelona and the appreciated artistic encounter with Manu Chao, who also accompanies him on AFRIKA, the song that has been recognized as a sign of respect for human rights and independence of the African continent.
In this new work that seamlessly blends street rumba with punk rock and raggae, Chimango is supported many by artistic friends like Manu Chao, Tonino Carotone, Madjid Fahem, Anouk Chavet, Hernán Lucky, Chalart 58, B-Roy, among other with other great international talents. CHIMANGO is a real expert at setting any crowd on FIRE!!

18.07 – Gezi Park, Turkey. Cronache, immagini e suoni dalla rivolta turca

Giovedì 18 luglio, Piazza San Francesco, Bologna

Dalle proteste che hanno invaso Istanbul, ai reali motivi che hanno determinato la voglia di cambiamento radicale, determinato e innovativo nella culla della civiltà.
Una conversazione a più voci con media/attivist@ italian@ di ritorno da Istanbul, giornalist@, artist@ e performer turch@ per toccare con mano i desideri, le aspirazioni, le forme con le quali la generazione di piazza Taksim ha dato vita a questo nuovo movimento di trasformazione nello e dello spazio euromediterraneo.
Locandina

Dalle 19.00
TAVOLI IN PIAZZA, STRATEGIE URBANE CONTRO LA CRISI
Per riappropriarsi degli spazi urbani: cucina a casa, porta in piazza e cena in compagnia! Le piazze non sono luoghi simbolici, Gezi Park insegna!

Ore 20
GEZI PARK, TURKEY. CRONACHE, IMMAGINI E SUONI DALLA RIVOLTA TURCA
Ne parliamo con:

Orkide Izgi – Giornalista turca
Uygur Vural – Artista turco
Filippo Nuzzi  – attivista Cs TPO, di ritorno dalla Turchia
attivisti di Globalproject.info

A seguire
PERFORMANCE. Canti e suoni che hanno carattercaratterizzato queste grandi proteste a cura di Elisabetta Lanfredini e Uygur Vural

Vi aspettiamo tutt@
GIOVEDÌ 18 LUGLIO, DALLE 19.00 (dibattito ore 20)
PIAZZA SAN FRANCESCO, BOLOGNA

16 Maggio | ** ‘O Zulù live dj-set **

Giovedì 16/05 @ Làbas occupato – via Orfeo, 46

Start h 19:00

‘O ZULÙ (from 99 Posse) live dj-set

Opening by S.C.E.F. (Parente diggei & Sugar Mino)

entry 2€

LÀBAS OCCUPATO è liet* di presentarvi, direttamente da Napoli, ‘O ZULÙ (from 99 Posse)!
Dalle ore 19 la celebre voce e frontman dello storico gruppo militante partenopeo sprigionerà dal sound system di via Orfeo46 occupato un mix di sonorità  rap, militant, drum’n’bass, passando per i remix dei pezzi storici dei 99 e delle hit trash ’70 e ’80.
Insomma un grande ritorno a Bologna per ‘O Zulù, il tutto immancabilmente supportato dalla premiata ditta ‘resident’  S.C.E.F., al secolo Parente Diggei & Sugar Mino!
Impossibile mancare!

Info: labas.bo@gmail.com www.facebook.com/labas.occupato