DUE ANNI DI OCCUPAZIONE. DUE ANNI DI LOTTE. DUE ANNI DI PROGETTI.

banner_12

Ci siamo.

Siamo quasi arrivati a due anni di occupazione dell’ex caserma Masini da parte del collettivo Làbas.

Due anni in cui son state aperte, attraversate, queste mura, che prima erano state lasciate ai piccioni, ai topi e alle intemperie.

Due anni in cui ci siamo riappropriati di questo spazio, e con noi se ne sono riappropriati il quartiere, la città, ogni singolo musicista, produttore, artista, studente, bambino, mamma, papà, professore, anziano e tutti quelli che non si riconoscono in queste categorie, facendolo diventare piazza di scambio politico, sociale, umano.

Due anni in cui da queste mura sono uscite lotte, dalla campagna bologna is not for sale, all’ultima #ioccupo, da manifestazioni affianco ai fratelli migranti, manifestazioni contro i nuovi e vecchi fascismi, azioni per il diritto allo studio, il diritto alla città e all’abitare, contro il carovita, contro il F.I.Co..

Andando anche fuori dallo stivale, da Francoforte contro la BCE e arrivando fino alla Tunisia, passando per la Turchia ed ora a Kobane.

Due anni di progetti che son cresciuti o hanno intrecciato le mura di Làbas e si sono evoluti fino a uscirne e contaminare ciò che ci sta intorno, come Làbimbi, la Biopizzeria, Orteo, lo sportello per il diritto all’abitare, Campi aperti, i balli popolari……

I primi due anni sono andati.

E sono solo i primi due.

Vi invitiamo a riappropiarvene, a rivendicarli e a viverli insieme a noi

Vi invitiamo a raddoppiare con noi la gioia che questi anni ci ha portato questa esperienza, che è solo all’inizio.

Mercoledì 12 Novembre aspetta la mezzanotte con noi per quello che Làbas è stato e verso quello che sarà.

h 17.30 -> Dolci formine
laboratorio di cucina bio per bambini a cura di Làbimbi

h 19.30 -> Cena di autofinanziamento
a cura di ORTEO e la BIOPIZZERIA

dalle 19.00 live set with
-> Betta e Lore in “danze folk”
-> I suonatori della valle del Savena in “bàl stàcc”
-> DJ Farrapo feat. Tim Trevor Briscoe (ElectroSwing & GlobalBass)

inoltre per tutto il pomeriggio e la sera…….
Reading
Live Painting
Proiezioni, Mostre ed installazioni
Qualche cocktail e un po’ di freestyle
Giocoleria

No F.I.Co.: Una voce scomoda per la città rossa

10628101_766539763389903_2021926489756981776_n

Oggi Bologna ha vissuto una giornata particolare: nella città che era ‘rossa’ e ora vorrebbe passare come ‘democratica’ abbiamo assistito alla negazione di diritti basilari, come quello al dissenso e al confronto.

Oggi Bologna ha rivisto l’avvio quel processo di svelamento e denuncia delle contraddizioni che stanno dietro il modello di lavoro Poletti e dietro la futura grande opera bolognese: F.I.Co..

Sulla scia della protesta dei lavoratori di Eataly Firenze, dove a 60 dipendenti è stato negato il rinnovo del contratto e sono quindi stati lasciati a casa senza alcun preavviso o alcuna forma di tutela, e solidarizzando con essi, oggi decine di attivisti e attiviste hanno bloccato le casse di Eataly-Coop Ambasciatori, denunciando il modello del lavoro dell’azienda di Farinetti, la sua politica delle assunzioni a ‘fisarmonica’ e l’ipocrisia della sua retorica sul “buon lavoro”.

Successivamente gli stessi attivisti/e si sono recati con determinazione al Parco Nord con l’idea di portare la propria voce di dissenso, per dimostrare a tutti che a Bologna c’è chi alcune domande e alcune criticità attorno alla ‘nuova grande opera bolognese’ se le pone.

La risposta da parte del Partito Democratico e della Questura è stata chiara: decine di agenti in tenuta antisommossa hanno impedito l’accesso alla ‘Festa dell’Unità’ che, alla faccia del nome, preferisce creare dei muri piuttosto che aprire al confronto. Di fronte alla rivendicazione di un diritto basilare come quello di fare un semplice volantinaggio, in forma pacifica, all’interno della festa la risposta è stata irremovibile. Quando poi si è provato a raggirare il blocco, gli attivisti sono stati pedinati e bloccati a centinaia di metri non dal dibattito, ma dalla festa stessa, negando loro persino di potersi avvicinare ai cancelli d’ingresso.

Per un partito che si definisce ‘democratico’, aperto al confronto e al dialogo, per non dire di sinistra, è abbastanza imbarazzante far schierare i reparti all’ingresso di una festa per impedire la più semplice e pacifica dimostrazione di dissenso. Un atteggiamento che, a nostro avviso, mostra benissimo quanto siano forti gli interessi in gioco, quanta paura ci sia dietro al fatto che alcuni possano far emergere tutte le contraddizioni celate dietro Fico e l’intero sistema che rappresenta.

Se i democratici Farinetti e Segrè si chiedessero come mai non siamo ancora andati a confrontarci con loro, probabilmente potrebbero trovare la risposta in quel reparto celere che ha fatto schierare all’ingresso della Festa dell’Unità proprio quel partito che ormai di democratico ha solamente il nome.

La giornata di oggi da solamente più forza a quel percorso di opposizione sociale a quella grande opera che nessuno, al di fuori di chi ci farà soldi, ha chiesto e immaginato. Invitiamo perciò chiunque, associazioni, singoli, collettivi a partecipare all’assemblea cittadina che si terrà Mercoledì 10 Settembre, ore 19, presso Làbas, spazio sociale in via Orfeo 46.

 

..la natura ci insegna che i rami del fico, se sovraccaricati, cedono..

 10687176_766543810056165_5441732176042152562_n

24 maggio: No Monsanto day – No OGM

noexpo4

Oggi gli attivisti di Làbas e del Tpo hanno sanzionato lo striscione che pubblicizza Expo di Milano, sostituendo la parola “nutrizione” con “speculazione”.

A Bologna si sta attuando una grande operazione di speculazione, sempre legata ad Expo: si Tratta del F.I.Co..

 

Di seguito il comunicato dell’iniziativa ->

 

 EXPO e NoMonsantoDay

Il 24 maggio anche in Italia – come in altri 52 paesi del mondo e oltre 400 città – ci mobilitiamo contro la multinazionale statunitense Monsanto, chiedendo il boicottaggio dei suoi prodotti e lo stop definitivo all’introduzione di Organismi geneticamente modificati (Ogm), pesticidi e altre sostanze agro-chimiche nocive sulle nostre tavole.

La Monsanto è la più grande azienda mondiale produttrice di sementi OGM che da decenni attraverso brevetti e accordi con istituzioni in tutti i continenti porta avanti un pericolosissimo processo di mercificazione e di controllo delle varietà agricole, minando la biodiversità con la diffusione di monocolture e violando la sovranità alimentare con il land grabbing.

Questa multinazionale, l’anno prossimo, finanzierà quasi completamente il padiglione USA in Expo 2015 a Milano – dove vorrebbe mostrare al mondo come continuare a “nutrire il pianeta”, con i suoi brevetti, la vendita e il controllo delle sementi OGM e quindi dei territori in cui vengono utilizzati attraverso contratti di servizi e somministrazione di prodotti chimici dedicati.

Il 24 Maggio rappresenta una tappa di visibilità per la battaglia contro gli OGM. Proprio nelle giornate ‪#‎mayofsolidarity, per un Europa diversa e Ogm free, migliaia di “Organismi genuinamente mobilitati” si attivano per ribadire che non c’è più spazio per chi, come la Monsanto, spinta da meri interessi di profitto, continua ad avvelenare la nostra terra.

Dagli OGM a F.I.Co.

Bologna raccoglie l’invito al boicottaggio della grande agro-industria unendolo con la denuncia di ciò che c’è dietro Expo 2015, riassumibile nel motto “debito, cemento, precarietà, mafie e speculazione”; i giornali di queste ultime settimane sono là a dimostrarcelo. Ma, da bolognesi, vogliamo denunciare anche ciò che ci sarà dopo Expo 2015, targato ‘made in Bo’: F.I.Co./Eataly World, la grande disneyland del cibo che porta con sé spettacolarizzazione del cibo e della cultura contadina, esclusione dei territori dai processi decisionali, precarietà lavorativa e molto altro ancora.
Dobbiamo essere capaci, tutti e tutte, di contrastare attivamente la costruzione di questa nuova grande opera bolognese attraverso percorsi condivisi e trasversali, di contro informazione, inchiesta e monitoraggio del territorio. “La foglia di Fico” è un esempio chiaro di tutto ciò.

Per tutto questo oggi abbiamo deciso di ‘sovvertire’ e ribaltare l’effetto di senso del cartellone pubblicitario dell’Expo, per denunciare la pervasività della propaganda di Expo, fatta di retorica in stile greenwashing e volta a mascherare il solito teatrino di appalti e mazzette in pieno stile mafioso, con cui attraverso grandi eventi e grandi opere si trova sempre il modo di devastare, saccheggiare e impoverire i territori e le comunità che li vivono.

Salvaguardiamo la salute e la biodiversità dei territori: diciamo No agli Ogm, allo strapotere delle multinazionali, alla speculazione dei grandi eventi e delle grandi opere; valorizziamo e sosteniamo invece la piccola agricoltura contadina di prossimità, determiniamo la nostra sovranità alimentare e rivendichiamo con forza, all’interno dei nostri territori, il diritto della popolazione dei nostri territori alla partecipazione ai processi decisionali che riguardano il territorio stesso.

 

Organismi Genuinamente Mobilitati – Bologna

|| 26 e 27 marzo || Giornate Green ||

banner_green

Làbas è una realtà in continua trasformazione.

Con l’arrivo della primavera ripensiamo insieme a come trasformare il Mercato di Campi aperti, che si svolge tutti i mercoledì, in una vera piazza, e a rendere Orteo un vero orto sociale!

> Mercoledì 26 marzo ore 18.00
Come ampliare il mercato di làbas?

Quella dell’ex caserma Masini vuole essere una vera e propria piazza, e come tale si adatta alle specificità di chiunque vuole trasformare, trasformandosi, lo spazio che attraversa.
Invitiamo artisti, artigiani, designers e chiunque fosse interessato a venire a discutere, proporre e definire insieme a noi come è possibile attuare, a partire dalla prossima primavera, tutto quello che abbiamo iniziato a immaginarci, consapevoli che la natura dello stesso rimane sempre libera e aperta.

> Giovedì 27 Marzo ore 20.30
Come l’orto si fa davvero sociale?

Un luogo in cui poter agire un rapporto con la terra e con le pratiche dell’agricoltura, nel quale poter vivere relazioni libere dai tempi e modi più umani.
Servono altri picconi per rompere l’asfalto, pale e zappe per lavorare la terra, altri semi per far nascere altri ortaggi.

Qua i comunicati di lancio >>

Continua a leggere

25 Febbraio // Dibattito || Città e Nuove Grandi opere \\

25_banner

Come le grandi opere stanno cambiando le città oggi?

Da Milano con la Rete Attitudine No expo a Bologna con il Coordinamento No F.I.Co.

Due grandi opere che nel 2015 cambieranno la struttura e la vita delle città in cui esse sorgeranno, amplificando il processo di gentrificazione che poteri forti e imprese portano avanti attraverso speculazioni.
Due grandi opere che distruggono territori con operazioni di cementificazioni.
Due grandi opere che costruite con risorsei pubbliche a beneficio del mercato privato.

Rete Attitudine No Expo (Milano)
” Il Comitato No Expo, Rete dell’Attitudine NoExpo, è una rete eterogenea di realtà e soggettività (comitati, associazioni, centri sociali, attivisti del sindacalismo di base, militanti della sinistra radicale) e nasce nel 2007 contro la candidatura di Milano a ospitare Expo 2015, convinti che la rassegna non sia un’opportunità, ma una sciagura per il territorio, i beni comuni, le casse pubbliche. Questa convinzione originaria resta valida ancora oggi, dopo quattro anni di balletti per le poltrone, Masterplan ad assetto variabile, teatrini vari, tagli, liti, soldi che non ci sono e tutto quanto ha costituito la rappresentazione dell’Expo milanese.”

http://www.noexpo.org

Coordinamento No F.I.Co. (Bologna)
“Il progetto “F.I.CO.”, Fabbrica Italiana Contadina, un parco giochi del cibo e della sua catena di produzione, è un’idea di Andrea Segrè, presidente del Caab e Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie agroalimentari dell’Università di Bologna, e di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly.
Siamo contro il F.I.CO. perché rivendichiamo il diritto collettivo a decidere dell’uso e destinazione dei territori in cui viviamo e della provenienza dei cibi che mangiamo.
Rivendichiamo la difesa della nostra salute e dei nostri territori, contro la precarizzazione del lavoro e la Grande Opera F.I.CO. che completa l’accerchiamento di Bologna tra Passante Nord, TAV e Variante di Valico.”

http://fogliadifico.noblogs.org/home/

 

https://www.facebook.com/events/404299353038956/?ref_newsfeed_story_type=regular

La foglia di Fico – cosa si nasconde dietro la nuova grande opera bolognese

Da qualche mese stiamo seguendo la vicenda di questo mastodontico progetto di speculazione, come tanti altri, che si vuole nascondere dietro una patina green / ecosostenibile / etica. Perfettamente coerente con tutta la costruzione di Eataly di Farinetti&co.

Per cui stiamo costruendo l’opposizione cittadina a questa scempio, e lo stiamo facendo con tanti altri, singoli e soggettività, che sentono fin da qua la puzza di marcio: ecco il testo di presentazione de “la foglia di fico” – campagna per la sensibilizzazione contro F.I.C.O. che comincia (ma non si esaurisce) con un blog: http://fogliadifico.noblogs.org

Image

Il progetto “F.I.CO.”, Fabbrica Italiana Contadina, un parco giochi del cibo e della sua catena di produzione, è un’idea di Andrea Segrè, presidente del Caab e Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie agroalimentari dell’Università di Bologna, e di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly.

Da inaugurare nel 2015, sarà realizzato all’interno del Caab, il mercato ortofrutticolo all’80% di proprietà del Comune (6% Regione). I soci pubblici mettono quindi a disposizione di un progetto privatissimo propri immobili per un valore di 55 milioni di euro, probabilmente con lo scopo (non dichiarato) di ridurre il debito di Caab.

Il resto delle risorse, 45 milioni di euro, vengono da: Coop (che possiede il 40% di Eataly), Granarolo, Manutencoop; Emil Banca e le coop “bianche” con Poligrafici (del Resto del Carlino), Ascom e Confcooperative; banca IMI (gruppo Intesa-S.Paolo), Carimonte (Unicredit) e fondazione Carisbo; a gennaio verrà reso noto quali fondi immobiliari/speculativi asiatici ed europei parteciperanno.

Diverse di queste aziende finanziano opere dannose per le persone e l’ambiente, accumulano risorse riducendo i processi che prevedono manodopera e attaccano una per una le condizioni di lavoro, sfruttando, precarizzando, esternalizzando i lavoratori. Che fortunatamente in qualche caso reagiscono con forza come hanno fatto i lavoratori, soprattutto migranti, della logistica esternalizzata di Granarolo, che non hanno accettato il taglio delle buste paga motivato pretestuosamente con la crisi e hanno iniziato a scioperare, non fermandosi neppure quando sono iniziati i licenziamenti, e raccogliendo una solidarietà crescente. Tra i 45 milioni di euro necessari per il F.I.CO. ci saranno, quindi, anche quelli sottratti ai lavoratori.

frutta

La contrapposizione tra fabbrica (urbana) e campagna, che il F.I.CO. suggerisce già col nome, diventa un progetto patinato vocato solo alla convenienza economica con i suoi 40 ristoranti e le «stalle, acquari, campi, orti, officine di produzione, laboratori, banchi serviti, grocery […] Un percorso naturalmente attrezzato con adeguata cartellonistica, audio guide e accompagnatori didattici», che naturalmente dovrà avere sempre abbondanza di prodotti: alla faccia della stagionalità.

rendering progetto F.i.co.

L’idea che si debba ricreare in uno spazio ad hoc, tutto sommato ristretto, la complessa esperienza della produzione alimentare, ci sembra pura follia. È facilmente comprensibile che questa è un’azione rientrante nella strategia Bolognese di Eventi capaci di catalizzare il forte afflusso di persone e capitali dovuto all’Expo 2015 di Milano.

fico interna OK

Crediamo sia pericoloso relegare la dimensione “contadina” ad un livello di esibizione come si trattasse di un parco divertimenti, o ancora peggio di uno zoo reso produttivo. Così, il progetto, curato come una buona campagna pubblicitaria, promuove e supporta una logica che tende a un’agricoltura da palcoscenico.

I sei milioni di visitatori all’anno a cui ambisce avranno poi bisogno di infrastrutture – che saranno pagate dai cittadini, magari con l’ennesimo aumento del biglietto dell’autobus. Infrastrutture che porteranno i turisti dal centro alla vasta area compresa tra S. Donato, Granarolo e Castenaso, già devastata e inquinata dal punto di vista ambientale e territoriale e che si vuole ulteriormente lottizzare e cementificare. F.I.CO. si troverà a 300 metri dall’inceneritore del Frullo, impianto che espone la popolazione all’aumento di rischi di sviluppare tumori, leucemie e malformazioni fetali, nonché malattie respiratorie e cardiocircolatorie; F.I.CO. farà da traino alla cementificazione di 85.000 metri quadri nell’area adiacente, già prevista dal Comune.

Che lavoratori saranno poi quelli che Farinetti, come dichiara, “gode ad assumere”? Precarizzati ed esternalizzati come i facchini di Granarolo? A scadenza e con pretestuosi stage come quelli di Expo 2015? E quanti posti di lavoro si perderanno nelle attività economiche (nel piccolo commercio, nella ristorazione…) investite dal ciclone F.I.CO..? Perché i decisori non aiutano e valorizzano, piuttosto del F.I.CO., i molti contadini del bolognese che producono cibo di qualità e biologico (anche auto-certificato) e svolgono attività di divulgazione di un altro (e migliore) modo di produrre, consumare e lavorare?

Siamo contro il F.I.CO. perché rivendichiamo il diritto collettivo a decidere dell’uso e destinazione dei territori in cui viviamo e della provenienza dei cibi che mangiamo.

Rivendichiamo la difesa della nostra salute e dei nostri territori, contro la precarizzazione del lavoro e la Grande Opera F.I.CO. che completa l’accerchiamento di Bologna tra Passante Nord, TAV e Variante di Valico.

La natura insegna che i rami del fico, se sovraccaricati, cedono…

20.11.2013 – Territori Insorgenti

601122_238056099693400_2086435145_n

Quarto appuntamento della rassegna FUTURO ANTERIORE ( http://www.globalproject.info/it/produzioni/bologna-futuro-anteriore/15327 ), un ciclo di incontri per interrogarsi sul controllo dei corpi, il divenire dei conflitti e dei movimenti costituenti tra città ed Europa.

Si terrà a Làbas occupato, mercoledì 20 novembre, durante il mercato biologico di CampiAperti.

Il dibattito si propone di indagare il rapporto tra territori sfruttati, avvelenati, messi in pericolo in nome del profitto e la capacità di intere comunità di resistere, a partire dalla difesa di salute, vita e terreni, per affermare altri modelli di sviluppo, rispetto ambientale e sovranità decisionale delle popolazioni.

Partendo dal libro “Il paese dei veleni” , scritto da Andreina Baccaro e Antonio Musella, ne parleremo con gli autori e con Gianfranco Bettin, scrittore, assessore al Comune di Venezia e curatore della prefazione al volume.

Introdurrà Pietro Ferrara, centro sociale Tpo.

25.09 – Mercato Campi Aperti / Incontro con i movimenti per l’acqua argentini / Concerto jazz&bossa nova

Mercoledì 25 settembre il Mercato di Campi Aperti a Làbas di riempie ancor più di contenuti.

> Dalle 17.30 Mercato con i produttori locali di Campi Aperti a Làbas: dalle 17.30 potrete acquistare direttamente dai produttori frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora, tutto rigorosamente biologico e a km0!

> Ore 18.00
“Le lotte dell’acqua in Argentina: resistenza al neoliberismo fra estrazione mineraria, fracking e inquinamento”
Incontro con  Sebastián Touza – Attivista e professore Universidad Nacional de Cuyo (Argentina)

En los años ’90 los gobiernos neoliberales aprobaron una ley que hizo muy atractiva la explotación minera metalífera a gran escala en el lado argentino de la cordillera de los Andes. También se firmaron tratados con Chile que hicieron la explotación minera aún más atractiva. Pocos años después comenzaron a desarrollarese algunas explotaciones. En el año 2003 la ciudad de Esquel, en la Patagonia, rechazó un emprendimiento de extracción de oro con una lucha que involucró a prácticamente toda la población. En Mendoza, se viene organizando el rechazo a este tipo de explotación minera desde hace unos diez años. La lucha comenzó en los pueblos de montaña y se fue extendiendo a las grandes ciudades. Mendoza es un desierto, con muy poca agua. Este tipo de minería consume mucha agua y, además, la contamina con productos altamente tóxicos que infiltran las napas de agua subterránea. La lucha en Mendoza hasta ahora ha sido exitosa, como en Esquel y en otro pueblo llamado Famatina, en la provincia de La Rioja. Pero en la provincia de San Juan hay dos grandes explotaciones de oro. El gobierno nacional y los gobiernos provinciales apoyan la megaminería y mantiene buenos contactos con las multinacionales mineras. Sólo hablan de los recursos que se obtendrán de la explotación. Sin embargo, debido a las leyes aprobadas por los gobiernos neoliberales y que siguen vigentes, se concede a las empresas explotadoras enormes beneficios en términos de impuestos. Los gobiernos nacional y provinciales, además, prometen que no habrá contaminación, pero en un pueblo cercano a la mina La Alumbrera, los casos de cancer superan ampliamente el promedio.

Otra lucha por el agua está comenzando. Es la lucha contra la extracción de hidrocarburos no convencionales por un método que se conoce como fractura hidráulica o fracking, que consiste en fracturar la roca a cientos de metros bajo el suelo para permitir que salgan el gas y el petróleo allí encerrados. Este procedimiento utiliza mucha agua y productos químicos tóxicos. Está demostrado que el fracking contamina las napas de agua potable con químicos, petróleo y gas. Además, la fractura hace más frágiles los suelos y lleva a que se produzcan terremotos. Esto es aún más grave porque las principales zonas de explotación en la Argentina son ya sísmicas. Por ahora, en la Argentina este tipo de explotación se está realizando en un yacimiento llamado Vaca Muerta, en la provincia de Neuquén, situado en territorios habitados por los Mapuche, un pueblo originario de la patagonia. En Mendoza, esta lucha recién está comenzando.

> Dalle 20.00 aperitivo e concerto live Jazz & Bossa Nova con:

VOCE: Chiara Nozza
PIANO: Marco Paganucci
CHITARRA: Paolo Grasselli

11.09 – Mercato settimanale di Campi Aperti + OH!theladystone live

Dopo il successo della prima giornata, ritorna anche questo mercoledì il mercato di Campi aperti!

Dalle 17.00 mercato con produttori locali di prodotti biologici e a km0
e dalle 20.30 live in giardino di OH!THELADYSTONE

LàBAS e CAMPI APERTI
Da mercoledì 4 settembre l’ex caserma Masini ospiterà il mercato settimanale di prodotti biologici e a km0 di Campi Aperti, frutto della collaborazione tra l’associazione di produttori e Làbas, già cominciata con la partecipata giornata dell’8 Giugno scorso.

Ogni mercoledì oltre dieci produttori porteranno frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora.
Ma il mercoledì a Làbas non è solo mercato.

Ad affiancare i mercati tanti dibattiti, presentazioni di libri, proiezioni su beni comuni, la terra e le sue risorse, sulla campagna Genuino Clandestino (https://www.facebook.com/GenuinoClandestino) e Terra Bene Comune, sul perché il FICO, la nuova cittadina dello slow food che dovrebbere sorgere al CAAB di Bologna entro il 2015, rappresenti un punto critico sullo sviluppo della città.
E infine un appuntamento fisso con concerti live a chiudere la giornata.

OH!theladystone

Gli Oh!TheLadyStone (OTLS) si sono formati nel 2009 come trio (Petra Dotti chitarra e voce, Irene Elena chitarra e Alberto Poloni voce), intorno ad alcune canzoni ancora in embrione composte da Petra.

L’arrivo di Simonluca Leitempergher al basso e strumenti elettronici porta il gruppo a fare diverse esperienze live e a registrare alcuni pezzi per un EP che però per motivi vari rimane a lungo nascosto in un cassetto. Ora, dopo un cambio di formazione (al posto di Simonluca arrivano Francesco Papaleo e Francesco Di Giovanni, rispettivamente elettronica e basso) si ripresentano e tirano finalmente fuori dal cassetto quell’EP, convinti che se anche non gli assomiglia più molto, il lavoro e impegno dietro a quei pezzi debba almeno vedere la luce. Si chiamerà “A lot of nothing is still nothing”, uscirà ad Aprile 2013, corredato dei bellissimi disegni di Angela Malavenda.
Gli OTLS, se glielo chiedete, si raccontano come una rarefatta e difficile ricerca di sintesi tra suoni acustici ed elettronici.

/labasoccupato

04.09 – Mercato settimanale di Campi Aperti + CHIMANGO live

Da mercoledì 4 settembre l’ex caserma Masini ospiterà il mercato settimanale di prodotti biologici e a km0 di Campi Aperti, frutto della collaborazione tra l’associazione di produttori e Làbas, già cominciata con la partecipata giornata dell’8 Giugno scorso.

1150281_181099855404961_1190018209_n

Ogni mercoledì oltre dieci produttori porteranno frutta, verdura, formaggi, pane, vino, farine, miele, olio, birra, legumi, zuppe, conserve e tanto ancora.
Ma il mercoledì a Làbas non è solo mercato.

Ad affiancare i mercati tanti dibattiti, presentazioni di libri, proiezioni su beni comuni, la terra e le sue risorse, sulla campagna Genuino Clandestino (https://www.facebook.com/GenuinoClandestino) e Terra Bene Comune, sul perché il FICO, la nuova cittadina dello slow food che dovrebbere sorgere al CAAB di Bologna entro il 2015, rappresenti un punto critico sullo sviluppo della città.
E infine un appuntamento fisso con concerti live a chiudere la giornata.

– – –

Mercoledì 4 settembre:

– dalle 17.00 in poi fate la vostra spesa a km0 e biologica all’ex caserma Masini

– dalle 19.30 aperitivo + live concert CHIMANGO – MANO A MANO European Summer Tour 2013

►►► La Rumba de Barcelona has its authentic expression in CHIMANGO and the Comando Rumbero from which the singer, guitarist and Argentinean composer Pablo Pascuale combines the rhythm of the street with the urgency of popular music and social issues. DONDE EL DIABLO PERDIO EL PONCHO is their first album.
11 songs that reflect the strength of the life experience in the streets of Barcelona and the appreciated artistic encounter with Manu Chao, who also accompanies him on AFRIKA, the song that has been recognized as a sign of respect for human rights and independence of the African continent.
In this new work that seamlessly blends street rumba with punk rock and raggae, Chimango is supported many by artistic friends like Manu Chao, Tonino Carotone, Madjid Fahem, Anouk Chavet, Hernán Lucky, Chalart 58, B-Roy, among other with other great international talents. CHIMANGO is a real expert at setting any crowd on FIRE!!